E-learning e Comunità di pratica – antidoto agli effetti della pandemia sulla formazione
7 Gennaio 2021
Come scegliere l’aiuto giusto per il tuo business
11 Gennaio 2021

I migliori libri sulla vendita e il management da leggere nel 2021 – 12 libri per 12 mesi

Una attenta e recente selezione di saggi, pubblicati da autori italiani nel 2020, per essere pronti ad affrontare le nuove sfide del futuro.

Per chi si occupa di vendita e di management, il 2020 è stato un anno particolarmente avvincente!

Un anno straordinario, che ha imposto a tutti la necessità di cambiare improvvisamente rotta e orientare le vele a favore di venti mai conosciuti. Un anno di vorticose accelerazioni e repentine riforme. Tanti vorrebbero continuare a fare ciò che hanno sempre fatto, ma non è più possibile: servono nuove abilità.

Solo con le competenze giuste sarà possibile affrontare il futuro e avere successo.

La conoscenza è la base del Saper Fare, l’essenza dei professionisti di valore e delle persone libere.

Dobbiamo acquisire tante nuove soft skill, senza perdere le certezze basilari che ancora si dimostrano valide; dobbiamo saper cogliere le opportunità offerte dall’innovazione digitale e dalla comunicazione da remoto, ma mantenere necessariamente umanità ed empatia; dobbiamo valorizzare le nuove generazioni, favorendone l’ingresso nel mondo del lavoro, e ammodernare le vecchie strutture che tendono a proporre logiche ormai passate.

Il 2020 è stato, per fortuna, anche un anno ricco di novità editoriali, made in Italy, che vanno incontro alla sete di cambiamento e alle concrete esigenze formative che la realtà impone a chi si occupa di vendita, comunicazione e management.

Vediamo, allora, 12 libri recentemente pubblicati da autori italiani, la cui lettura è consigliatissima nei prossimi 12 mesi.

Un volume per aiutare manager e imprenditori a rispondere all’esigenza di “fare innovazione” in modo pragmatico, strutturato, sistematico e, soprattutto, duraturo perché reiterato nel tempo. Sul tema dell’innovazione in azienda sono state scritte dozzine di libri… ma l’argomento è tanto mutevole e ricco di dinamiche che, spesso, la speranza di manager e imprenditori di “tenere il passo” viene frustrata dalla realtà. In questo contesto, “Innovation + Management” è stato scritto con l’obiettivo di aiutare manager e imprenditori a rispondere all’esigenza di “fare innovazione” in modo pragmatico, strutturato, sistematico e, soprattutto, duraturo perché reiterato nel tempo. Dall’analisi, alla decisione, all’execution e in presenza di molte opzioni – Design Thinking, Corporate Lean Startup, Agile, ExO e NPD – la chiave è quella di personalizzare in modo rapido l’applicazione dei principi alla singola realtà aziendale e alle esigenze di business; e la soluzione sta nel prendere in considerazione strumenti e metodologie con un obiettivo preciso: mettere in discussione lo status quo. Attraverso casi pratici, testimonianze e modelli operativi, il volume si propone di accompagnare il lettore dalla generazione delle idee sino alla loro realizzazione concreta sul mercato, affrontando i singoli passi e la collaborazione dei soggetti coinvolti all’interno e all’esterno dell’ecosistema aziendale.


Come rendere un’azienda significativa nell’era dell’invasione digitale? Non basta conoscere i canali e destinare budget alla promozione: ogni azienda deve esprimere il suo significato differenziante e instaurare relazioni forti con i propri interlocutori. Comunicazione human to human, purpose marketing e brand journalism sono i compagni di viaggio per fare dell’azienda un centro di notizie e progetti interessanti. In queste pagine scoprirai come comunicare il significato distintivo della tua azienda, costruendo reputazione; mappare i diversi pubblici e renderli tuoi alleati; usare i canali offline e online in maniera originale e coinvolgente; produrre contenuti che generano valore e rafforzano la relazione con il pubblico. Un percorso tra riflessioni teoriche e applicazioni pratiche per mettere in luce il valore di ogni azienda ed esprimerlo nel più efficace dei modi affiancato da un’utilissima “cassetta degli attrezzi” di strumenti e mappe digitali con cui lavorare.

Presentazione di Marisandra Lizzi.


Era nell’aria, ma il lockdown ci ha messi di fronte a un cambiamento radicale. Per continuare, almeno in parte, a svolgere le nostre attività è stato indispensabile trasferire la comunicazione sulle strade immateriali del web: zoom, skype e mille altre piattaforme ci hanno permesso di continuare a incontrarci, a parlare, a vedere i nostri volti, insegnare, imparare, fare musica, e molte altre cose. E funziona! Si può comunicare anche così, ma è innegabile che qualche cosa cambia, che gli strumenti a nostra disposizione non sono gli stessi. Il contatto oculare non c’è più; prende molta più importanza la voce con le sue inflessioni; l’immagine sullo schermo diventa un’icona; il contatto fisico è impossibile. In questo libro, vengono analizzate le nuove forme della comunicazione online in tutti i suoi aspetti: istruzioni per l’uso di quella che forse diverrà una forma sempre più diffusa di comunicazione.

 

 


Siamo su una nave in tempesta, in cerca della rotta giusta per una terra ancora sconosciuta. Ma stiamo attraversando una crisi economica o una vera e propria rivoluzione? Per capirlo non serve paragonare la fase che stiamo vivendo con il crollo finanziario del 2008 o la Grande Depressione perché in quei casi si era inceppato il motore economico. Oggi invece assistiamo all’aggravarsi di una mancata crescita, per ragioni sanitarie. E occorre chiedersi se sia davvero il caso di archiviare definitivamente la globalizzazione, come sostengono in molti, o piuttosto ricordare quali conquiste di ricchezza e libertà ha portato in tutto il mondo. La verità è che l’emergenza del Coronavirus ha accentuato in modo drammatico le caratteristiche di un processo già in atto. E che sarebbe ora di iniziare a modificare i maggiori fattori nocivi di quel modello cogliendo gli aspetti migliori della rivoluzione digitale, a partire dalla continua ricerca del valore aggiunto che guida le nostre scelte economiche e che pone il consumatore in una posizione di forza mai vista prima. Ma per non subire passivamene una rivoluzione dettata dal web occorre anche riconoscere che ci sono aspetti di umanità e di empatia che l’intelligenza artificiale e gli algoritmi non sono in grado di raggiungere e su cui le imprese dovrebbero puntare forze e strategie. Con passione divulgativa e lucidità di analisi Sebastiano Barisoni spiega in queste pagine la nostra resistenza al cambiamento e l’illusione di un ritorno all’età dell’oro intrecciando storia (anche personale) ed economia, casi e metafore, teorie e dati, per suggerire come leggere il presente e il prossimo futuro tra rischi e incertezze, fallimenti e speranze, superando i pregiudizi e gli stereotipi che offuscano l’orizzonte.


I ragazzi della generazione Z e l’attuale legislazione volta a facilitarne l’ingresso nel mondo del lavoro sembrano siano fatti apposta per non incontrarsi. Tanto i primi sono flessibili e pronti alla sperimentazione, tanto la seconda è rigida e volta a replicare i meccanismi del passato. Tanto i primi sono attenti a privilegiare la significatività dell’esperienza lavorativa e la conciliazione tra vita privata e vita professionale, tanto la seconda tende ad appiattire tutto nel segno del rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, ponendo poca attenzione alla formazione come elemento di continuità e di abilitazione ad un mondo in continuo cambiamento tecnologico. I primi sono immersi nella gig economy, fatta di esperienze brevi e rapsodiche, la seconda prevede solo lo sviluppo industriale pianificato delle medie e grandi imprese. A 50 anni esatti dallo Statuto dei lavoratori possiamo pensare ad un suo radicale rinnovamento? Ci provano con questo libro i due autori – da una parte l’uomo di azienda, dall’altra l’avvocato – prendendo in esame le caratteristiche della nuova generazione di giovanissimi e focalizzandosi poi sulla presentazione e la critica delle principali leggi rivolte all’accesso degli inoccupati al mercato del lavoro.


L’obiettivo di questo libro è molto semplice: fornirti degli strumenti di lavoro chiari, utili, concreti e, soprattutto, farti pensare.

Potrebbe sembrare la cosa più naturale al mondo, pensare, eppure, ti sei accorto di come le possibilità di scelta ci vengono sempre più spesso somministrate, con eccessiva semplificazione, in estremi preconfezionati? Le alternative sembrano essersi ridotte solo a due: o sì o no, bianco o nero, dentro o fuori, con me o contro di me…

Si ha la tendenza a non ragionare più con la propria testa, sposare le tesi più popolari ed esprimersi per luoghi comuni.

Bastano invece due semplici variabili, per riuscire ad avere una serie infinita di soluzioni. Cogito ergo sum, diceva Cartesio qualche secolo fa, penso quindi sono, esisto. Ed è valido anche il contrario: chi non pensa non esiste!  Più manca il senso critico, più una persona è inconsistente e manovrabile. È con questa convinzione che è stato scritto Manager e Venditore Top!

Grazie alla Matrice Saveriana, per esempio, avrai a disposizione uno strumento di formazione manageriale intuitivo ed efficace, che ti aiuterà, una volta individuata la tua posizione in griglia, a definire le aree di miglioramento e costruire un piano di sviluppo personale per la crescita della professionalità e della leadership.


Il libro propone una definizione completa delle soft skill. Strategiche in ambito professionale e nella vita di ogni giorno, sono le caratteristiche della persona che favoriscono la sua relazione con gli altri. Queste competenze leggere (empatia, leadership, uso efficace del tempo, gestione dello stress, capacità di negoziare, comunicare in modo efficace e lavorare in team) sono trattate con taglio pratico, ricco di consigli e case history. Un manuale fondamentale per ogni professionista.

 

 

 

 


Il dottor X è il responsabile delle risorse umane di una grande azienda. Ha 38 anni, è brillante e preparato, adora il suo lavoro. Ha solo un piccolo problema: odia le persone. In questo suo racconto costellato di situazioni grottesche, il dottor X permetterà ai lettori di sbirciare dietro le quinte della sua attività quotidiana e mostrerà loro le dinamiche e i tipi umani di una azienda italiana. A coloro che si domandano come si comportino realmente i manager (e i loro sottoposti), cosa pensino, come lavorino, cosa facciano tutto il giorno chiusi nei loro uffici o in trasferta, questo libro spietato e incredibilmente sincero – basato su avvenimenti reali – fornirà una versione cinica ma realistica del mondo aziendale italiano e delle persone che lo popolano.

 

 

 


Viviamo in un tempo in cui il racconto è diventato una piattaforma di vita e lavoro. Raccontiamo, per posizionare un prodotto, per orientare un’economia, per guidare il pubblico impaurito durante una pandemia. Tutti i giorni siamo ormai protagonisti di battaglie narrative dove lo scontro non è più soltanto sulla qualità, la velocità, la relazione, i social media, ma anche e soprattutto sulla narrazione che si fa del proprio mondo: di marca, prodotto, vita. Cosa vuol dire raccontare in questi termini? Il testo, in questa seconda edizione aggiornata e rivista, è pensato per dare una risposta ed essere così una guida completa allo Storytelling d’impresa che si trasforma oggi in Storymaking: non solo racconto ma anche testimonianza concreta della propria narrazione, un nuovo attivismo di marca personale o aziendale. L’opera, completa di molti casi studio ed esempi pratici, spiega in dettaglio le tecniche, i processi e gli strumenti dello Storytelling individuale e del Corporate Storytelling, indispensabile per raccontarsi su mercati saturi come quelli aziendali. Perché le storie vanno cercate, inseguite, trovate, raccontate e infine fatte vivere.


Questo libro rivela le scoperte e le tecniche innovative di HCE, la scienza che studia le variabili coinvolte in ogni interazione umana, e le tecniche per influenzarle. Se vogliamo interagire in modo efficace con noi stessi e con qualsiasi interlocutore, dobbiamo superare le vecchie regole della comunicazione e affidarci allo studio scientifico di variabili come ambiente, stati d’animo, cocktail ormonali, neurosemantica, look, paradigmi cognitivi e così via. Soprattutto, dobbiamo conoscere e studiare come queste variabili interagiscono le une con le altre. Un testo destinato a rivoluzionare qualsiasi approccio precedente e le modalità che utilizziamo per interagire, spesso inconsciamente, con noi stessi e con gli altri, in ufficio, con i clienti o nella vita quotidiana. In ambito business, HCE (Human Connections Engineering) rappresenta lo strumento più concreto per gestire con successo qualsiasi negoziazione e trattativa commerciale.

 


Il libro è frutto dell’esperienza diretta dell’Autore nella direzione di risorse umane in imprese multinazionali e nell’attività di consulenza e formazione per la gestione dei collaboratori. Il testo mostra l’importanza del rapporto tra il manager e il personale, attraverso un percorso teorico-pratico e l’illustrazione di situazioni problematiche reali con le relative soluzioni applicabili. In questa nuova edizione il capitolo finale è dedicato alla Remote Leadership: come ottenere la massima performance dal collaboratore in attività di smartworking.

 

 

 

 


Molti pensano: «Preferisco essere felice che avere successo». E se invece si potessero avere entrambe le cose? «Fosse facile!» si dirà. Ma niente è facile se non si sa come fare. E tutto lo diventa se si hanno in mano le giuste indicazioni. Come quelle che ci offre Gabriella Rania in questo volume, insegnandoci non ad “avere successo” ma a “essere di successo”, sempre all’insegna dell’equilibrio, la vera chiave per dare una svolta all’esistenza di ognuno di noi.

 

 

 

 

 

 

Articolo a cura di Saverio Greco

 

Saverio Greco è nato a Cosenza nel 1975.

Laureato in chimica presso l’Università della Calabria, lavora da molti anni come area manager per importanti aziende farmaceutiche, occupandosi di selezione, gestione e sviluppo delle competenze.

Appassionato di comunicazione, marketing e vendita, crede fortemente nella centralità della persona come valore imprescindibile e persegue l’ideale equilibrio tra gli obiettivi aziendali, la motivazione e le performance dei suoi collaboratori.

È autore del libro LE PARABOLE DEL MANAGER, edito da Mimep Docete nel 2015.

Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI LEADERSHIP & MANAGEMENT MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di Leadership & Management Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy